Probitas | ISO 37001: UN NUOVO ASSET PER PREVENIRE LA CORRUZIONE NEL SETTORE PUBBLICO E PRIVATO
16346
single,single-post,postid-16346,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-3,qode-theme-ver-7.6.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

ISO 37001: UN NUOVO ASSET PER PREVENIRE LA CORRUZIONE NEL SETTORE PUBBLICO E PRIVATO

06 Dic ISO 37001: UN NUOVO ASSET PER PREVENIRE LA CORRUZIONE NEL SETTORE PUBBLICO E PRIVATO

 

37001

 

La norma ISO 37001 – Anti-Bribery Management Systems è stata introdotta il 14 ottobre 2016 e si inserisce come importante presidio nella prevenzione e nel contrasto al fenomeno della corruzione nelle Organizzazioni, sia all’interno delle proprie operazioni sia lungo l’intera catena del valore, in sostanza una linea guida per aiutare non solo a prevenire, individuare e rispondere a fenomeni corruttivi, ma anche per conformarsi alla legislazione anti-corruzione applicabile.

Le principali peculiarità introdotte dalla norma riguardano:

  • l’ambito di applicazione, essendo la stessa rivolta esclusivamente alla corruzione, sia essa passiva che attiva;
  • la definizione di requisiti generali e applicabili a qualunque Organizzazione (o parte di essa), indipendentemente dalla tipologia, dimensione e natura dell’attività. La norma si applica infatti sia al settore pubblico che privato che no profit e sono direttamente coinvolte figure quali Clienti, Partner in Joint ventures e in consorzi, Fornitori anche in outsourcing, Appaltatori e subappaltatori Consulenti, Venditori, Agenti, Distributori, Rappresentanti, Intermediari, ecc.;
  • la previsione di un Appendice che suggerisce come organizzare il Sistema di Gestione;
  • la nomina di un Responsabile Anticorruzione.

La  norma può essere utilizzata da sola o congiuntamente ad altre norme sui Sistemi di Gestione ed è stata redatta seguendo una High Level Structure (HSL), dunque, anche in questo ambito viene garantita l’omogeneità nell’impostazione e nella terminologia alle principali normative dei Sistemi di Gestione.

La scelta di un’Organizzazione di implementare la ISO 37001 incrementa l’efficacia degli strumenti di contrasto al fenomeno corruttivo, con conseguenti vantaggi etici, di compliance ed anche “economici” (si pensi principalmente ai danni, molto spesso sottovalutati, causati dalla corruzione passiva). Attraverso l’implementazione della ISO 37001 è possibile andare oltre il rispetto dei requisiti minimi imposti dalle normative ed adottare un approccio sistemico rivolto alla prevenzione e al contrasto della corruzione, secondo la metodologia tipica del Plan – Do – Check – Act, orientata al miglioramento continuo

La ISO 37001 costituisce quindi sia un supporto per Enti e Società che devono adempiere agli obblighi legislativi previsti in materia di anticorruzione sia, più in generale, un’opportunità per tutte le Aziende per divenire concretamente capaci di controllare, nel tempo, i maggiori rischi e i costi legati all’attività criminosa.

Per quanto concerne il settore pubblico, il Sistema di gestione ISO 37001 può offrire un utile supporto alle Organizzazioni che devono definire ed implementare il Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione, in quanto può sostenere le funzioni aziendali nell’autoanalisi organizzativa, nella conoscenza sistematica dei processi svolti e dei procedimenti amministrativi di propria competenza e nella programmazione unitaria di riorganizzazione.

In sostanza la norma aiuterà a prevenire, individuare ed affrontare i potenziali/reali casi di corruzione, a prescindere dalla provenienza di tale rischio, se da o per conto di un’organizzazione o dei suoi dipendenti o ancora dei soci in affari.

 

Se sei interessato a questi argomenti seguici e resta aggiornato su LinkedIn!

 

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

No Comments

Post A Comment